MORA & BRONSKI

Posted by on Feb 8, 2016 in Dischi

MORA & BRONSKI – 50/50 (Busker, 2018)

Mora & Bronski 2

E’ uscito “50/50”, terzo album degli emiliani Fabio Mora e Fabio “Bronski” Ferraboschi, rispettivamente voce e chitarra acustica, in arte “Mora & Bronski”. In 16 tracce affrontano il grande patrimonio della musica afro-americana e folk, alternandolo a canzoni originali e cercando di mantenere la stessa radice sonora. Preceduto dal singolo radiofonico “Spaghetti blues”, in radio dal 9 marzo, “50/50” – che segue “Naif” (2014) e “2” (2016) – é distribuito da Ird International Records Distribution ed ospita artisti come Fabrizio Poggi, recentemente nominato ai Grammy Awards tra i “Best Traditional Blues Album”, all’armonica; Deborah Kooperman, che ha lavorato anche con Francesco Guccini, alla chitarra e voce; i Bayou Moonshiners (Stephanie Ghizzoni e Max Lazzarin), Lorenz Zadro alla chitarra elettrica, acustica e 12 corde, Pietro Marcotti all’armonica e Arlo Zenzani al violino. L’album mischia il suono del Delta Blues del Mississippi a quello del Cajun della Louisiana, passando dal country al folk, fino alla canzone d’autore italiana e alla musica tradizionale delle regioni.

MORA & BRONSKI – 2 (Busker, 2016)

Mora & Bronski 2

Fabio Mora (Mora) e Fabio Ferraboschi (Bronski) hanno una vecchia passione comune: “rispolverare” vecchi, ruvidi e torbidi Blues. Entrambi i membri di questo duo, rispettivamente cantante e il bassista, nella loro lunga carriera musicale hanno anche una veste più pop che li hanno resi famosi al vasto pubblico italiano nel progetto I Rio, protagonisti – a partire dal 2001, di molti successi radiofonici estratti da una nutritissima discografia. Due percorsi artistici ben distinti, dove è certamente il progetto Blues intrapreso quello che siamo a presentarvi. Nel 2014, con “Naif”, il loro primo episodio dedicato al Blues e all’American Music, avevano rievocato brani di Robert Johnson, Muddy Waters, John Lee Hooker e altri ancora, filtrandole attraverso la loro ventennale esperienza di musicisti e produttori. Alla base di questo, era maturata l’idea e quindi la necessità di riprendere in mano i loro strumenti in una versione più intima, ponendo attenzione a quei suoni, quei modi e quei mondi che nel tempo hanno avvertito sempre più vicini, percorrendo una strada forse dimenticata (in ambito pop), tortuosa e priva di scorciatoie – mettendo a nudo le loro intenzioni, senza fronzoli. Ora, nel 2016, a poco più di due anni di distanza dal precedente lavoro, escono con “2”, un nuovo album, a conferma delle intenzioni, composto di 16 tracce a cavallo tra Blues, folk, rock’n’roll e country music – compresi due inediti autografi in lingua italiana “Nostra Signora dei senza nome” e “Se vuoi andare vai”, raro esempio di come il Blues, nella sua forma più semplice, possa parlare qualsiasi tipo di  linguaggio. Semplicità segnata da un profondo sentimento nei confronti dell’american music, che in questo disco ha trovato la sua forma attraverso un’impronta molto istintiva, grazie all’impiego di strumenti a corda (chitarra a 6 e 12 corde, banjo, steel guitar e violino), mani, piedi e schiocchi di dita. Nell’album sono presenti due ospiti: al violino Francesco Diddi e alle chitarre Lorenz Zadro, due amici di Mora & Bronski che appoggiano i loro strumenti con l’unica intenzione, la stessa dei protagonisti, di fare arrivare la musica dritta al cuore.

 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *